February 1, 2019

Cassazione civile, sez. I, 21 Dicembre 2018, n. 33350. Est. Paola Vella.

La Suprema Corte sgombra ogni dubbio sul comportamento che deve tenere la Stazione appaltante in caso di fallimento dell'appaltatore di opera pubblica alla luce delle norme dettate per gli appalti pubblici (ed in particolare l'art. 118, comma 3, del d.lgs. n. 163 del 2006) e le norme relative alle procedure concorsuali.

La Cassazione con un articolato ragionamento ha affermato che  il subappaltatore deve essere considerato un creditore concorsuale come tutti gli altri, nel rispetto della "par condicio creditorum" e dell'ordine delle cause di prelazione, non essendo il suo credito...

Please reload